Sequestriamo i loro passaporti

Lasciarle andare significa rimetterle nelle mani delle stesse persone che le hanno rapite e vendute .Non possiamo permetterci lo splendore di mandare due nostre cittadine da quelle parti e non si può neanche correre il rischio che esse vengano sequestrate di nuovo. E’ un dovere delle autorità competenti sapere chi sono i contatti che le ragazze stanno utilizzando per andare nuovamente in Siria e, soprattutto, è loro dovere bloccare questo progetto sul nascere. Davanti a tale dichiarazione, lo Stato dovrebbe sequestrare i passaporti delle due ragazze, impedire che possano di nuovo mettersi nei guai e mettere a rischio la sicurezza nazionale. La loro bontà nei confronti dei taglia gole dello Stato Islamico che ogni giorno massacrano civili impotenti desta certamente un po’ di sospetto e alimenta dubbi su un sequestro sul quale troppo frettolosamente il sistema informativo italiano ha fatto calare il silenzio. La pensino, dunque, come vogliono ma impediamo loro di ritornare in Siria. C’è in ballo la loro vita (e questo può anche importare poco a molte persone) ma soprattutto la tenuta del nostro sistema democratico che non può piegarsi a un nuovo riscatto che servirebbe soltanto ad alimentare altro terrore e altra violenza. Fermiamo Greta e Vanessa prima che sia troppo tardi. E sequestriamo i loro passaporti !

Filippo Menconi

Filippo Menconi

Generalmente mi circondo di persone che mi hanno dimostrato fiducia , perché senza la fiducia e il rispetto, con me non si può costruire alcun tipo di rapporto!!